it:lang="it-IT"
1
1
https://www.panoramaaudiovisual.com/it/2022/02/03/tv-azteca-8-claves-futuro-television/

TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

blank

Pedro Carmona Ortiz, direttore della tecnologia presso TV Azteca, trasferisce tutte le notizie della televisione messicana e anticipa 8 tasti che daranno forma al futuro della trasmissione.

TV Azteca, società di cui fa parte Gruppo Salinas, è presentato come uno dei due maggiori produttori di contenuti televisivi nel mondo di lingua spagnola. Nato nel 1993, attualmente lo ha quattro canali televisivi nazionali che opera attraverso più di 300 stazioni di proprietà: Aztec One, Aztec 7, adn40 e più +, una rete di segnali locali.

Oggi la televisione sta completando il suo passaggio a modello di business in cui la generazione di contenuti appare come asse. TV Azteca non solo crea format per la televisione stessa, ma esporta anche tutti i tipi di formati: sia per le altre società del gruppo Salinas, come Totalplay, sia per la maggior parte degli agenti della industria audiovisiva.

Questo sforzo è accompagnato da un investimento significativo in tecnologia. L'innovazione è l'asse della proposta di TV Azteca, in quanto va oltre ogni sua divisioni e condiziona tutta la sua attività. Con prudenza e cautela, l'azienda messicana non ha esitato ad adottarne di nuovi Modelli di business (SaaS), abbracciare il nuova infrastruttura (IP), beneficia degli ultimi progressi in produzione a distanza (virtualizzazione della produzione), build mondi virtuali e produrre e archiviare contenuti in UHD.

Pietro Carmona, in prima persona, rivede il presente di TV Azteca senza perdere di vista il domani.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

La ragione dell'innovazione

“Siamo parte di un gruppo molto grande, il Grupo Salinas, in cui la parola innovazione è molto rilevante. Siamo concentrati sulla ricerca costante di a permanenza e trascendenza che si basa sul innovazione e ci permette di evolvere in base ai cambiamenti che si verificano nei mercati. Se c'è una cosa di cui possiamo essere sicuri, è quella il cambiamento esiste sempre. Il cambiamento avviene naturalmente; non è qualcosa che possiamo fermare o cambiare. Quello che possiamo è adattare per operare correttamente in modo efficace ed efficiente dentro il cambiamento”.

TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione“Come viene applicato il concetto di cambiamento a un'azienda come TV Azteca, in cui la parte tecnologica diventa uno dei pilastri del modello di business? Per molti anni abbiamo avuto lo slogan di innovare e cercare il presente, ma senza cadere nella sindrome dell'ultima generazione. Cosa voglio dire? Può essere molto costoso e pericoloso voler partecipare sempre alla tecnologia di ultima generazione sul mercato perché, molte volte, quei flussi potrebbero essere sbagliati. Cosa facciamo? Con grande cura, cerchiamo approfitta dei vantaggi quella tecnologia ci offre per rafforzare il funzionamento del business”.

“È qualcosa che portiamo nella nostra pelle da molti anni. Siamo stati i primi in Messico a fare un Streaming HD quando la SD era ancora in funzione; Siamo stati i primi a finire migrazione a trasmettitori digitali; siamo stati i primi a fare a trasmissione pilota in 3D; siamo stati i primi a fare a Streaming in diretta 4K, tramite la nostra consociata Gioco totale, un'azienda via cavo che lavora tramite fibra… E, inoltre, posso dirvi che oggi siamo pionieri nella sperimentazione produzione a distanza sfruttando la piattaforma 5G. Allora si: ci piace l'innovazione e penso che siamo molto bravi a farlo”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

1. Il content marketing come asse

“In Messico ci sono sei catene nazionali, di cui quattro li trasmettiamo. Sono molto importanti per noi, ma non sono il modello di business esclusivo con cui abbiamo a che fare in questo momento. Abbiamo smesso di essere esclusivamente una stazione televisiva che commercializza contenuti attraverso l'aria tradizionale. siamo già uno generatore di contenuti che li commercializza attraverso piattaforme molto diverse, e qui la parte del mondo digitale interviene molto”.

“Ci sono molte piattaforme alternative per aprire la televisione che già gestiamo e attacchiamo; finestre che, pur facendo parte della nostra gamma di attività e ne costituiscono ancora una piccola parte, stanno crescendo a un ritmo molto veloce. Oggi vediamo già il modello di business come una generazione di contenuti per funziona su tutte le piattaforme cosa c'è sul mercato. Detto questo, le parti tecnologiche che sono rilevanti per noi al momento sono quelle che diventano la spina dorsale del nuovo modello o la nuova architettura di un content producer e marketer”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

2. Video su IP

"Il video su IP È una tecnologia che rivoluziona il settore, poiché offre possibilità che non sono disponibili con il cablaggio tradizionale su rame e che offre velocità e volumi di informazioni e trasporto di contenuti che consentono l'apertura a modelli di business che prima non si potevano fare a causa di questa limitazione del trasferimento dei contenuti. Questo, a sua volta, torna al video commerciabile su molte piattaforme che, ripeto, prima che tu non potessi”.

uno dei pilastri su cui stiamo lavorando. Non posso darti marchi specifici, ma posso confermare che è uno di questi le nostre tecnologie più importanti e che ci siamo avvicinati a lei con alcuni dei principali attori del settore”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

3. Le infinite possibilità del 5G

“Stiamo esplorando a fondo la questione di 5G. La maggior parte della popolazione associa il concetto 5G a telefoni cellulari più efficienti e veloci. Tuttavia, la piattaforma 5G è molto più ambiziosa dei vantaggi che possono dare alle compagnie telefoniche. La piattaforma 5G offre soluzioni di gestione di dati e informazioni che velocizzano e rendono molti più efficienti processi di business e aspetti comunicativi”.

Cellulare 5G“Noi, come Grupo Salinas, una multinazionale con catene di negozi Elettra, il Banca Azteca, tra le altre attività, ne gestiamo alcune volumi di informazioni molto grandi. Questi volumi di informazioni e contenuti in cui gestiamo TV Azteca diventare una massa critica in cui il sfruttando la tecnologia 5G per il trasferimento di informazioni diventa estremamente rilevante. Per questo motivo, Televisión Azteca ha chiesto alle autorità messicane preposte alla regolamentazione delle problematiche delle telecomunicazioni (IFT), un concessione provvisoria per la ricerca su alcuni frequenze dello spettro radio che può essere utilizzato per il 5G.

“Stiamo effettuando diversi test di comunicazione con un provider del Nord Europa e un altro asiatico. Abbiamo avuto risultati di grande successo in una questione di automazione dei processi e produzione remota, che ci hanno fornito informazioni su come migliorare l'esperienza per lo spettatore e, inoltre, minori costi operativi”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

4. Il business dei dati

“Siamo coinvolti in a processo molto ambizioso gestione di dati, poiché ha una serie di importanti connotazioni strategiche in molti modi. In data odierna, Poche persone ne realizzano il valore. Avere la capacità di acquisire e collezionare dati; ordinare quella raccolta; inserire metadati per identificarlo; e salvarlo in modo che, con i processi di IA, si possano generare modelli che permettano di trovare nuovi schemi di marketing con le diverse aziende che abbiamo nel gruppo, diventa molto prezioso”.

Tendenze - Applicazioni - App“Ora, l'intero settore è concentrato usa meglio ciò che sai sui tuoi consumatori. Non siamo affatto lontani da questo; al contrario, abbiamo un afflusso molto, molto grande di consumatori. Non solo attraverso i nostri spettatori e i nostri consumatori di contenuti, ma anche attraverso le nostre altre società, come Banco Azteca, Elektra o Italika”.

“Insieme al resto delle aziende del gruppo, stiamo lavorando proprio alla ricerca migliore gestione dei datiguardando al futuro Schemi di IA e del migliori pratiche di analisi dei dati al fine di rafforzare le nostre unità di business con le informazioni preferite. Questo ci permetterà a processo decisionale più informato per aiutarci a decidere cosa vogliamo programmare, quali sono i nostri contenuti, a che ora li programmiamo, ecc.”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

5. Modelli di abbonamento cloud

“Stiamo lavorando con il cloud per essere molto più efficiente nella gestione dei processi a distanza. Abbiamo molte stazioni televisive locali sparse in tutto il Messico, in luoghi che hanno un'orografia abbastanza complessa per costruire reti di comunicazione basate su fibra o cavi. Attraverso il cloud, ne stiamo ottenendo molti processi remoti di produzione, informazione, distribuzione dei contenuti; in breve, produzione, contributo e distribuzione”.

Nuvola"Erano anche tecnologia tradizionale abbandonata. Stiamo migrando dal concetto nei locali (che consiste nell'avere apparecchiature basate su hardware), e stiamo andando per soluzioni cloud, stile software come un servizio. è Modello SaaS ci sta permettendo praticità in molte produzioni remote. Invece di trasportare un'unità mobile tradizionale, che comporta un costo significativo (carburante, personale addetto all'installazione e al funzionamento...), scommettiamo su diverse soluzioni: disporre di una connessione Internet di buona qualità nel luogo in cui si intende effettuare il operazione, puoi connetterti con i computer al cloud e avere soluzioni che altre volte sarebbero hardware locali. Così, account con accesso alle funzioni tradizionali, ma in moduli che sono nel cloud e che vengono pagati solo per il tempo di utilizzo”.

Armonica VOS360 SaaS“Le informazioni vengono caricate sul cloud, vengono elaborate suite di produzione che sono nel cloud e, da lì, vanno a mozzi di archiviazione o reindirizzamento che, successivamente, pervengono alle nostre sedi centrali. Lì, con il software come servizio, scarichiamo quei contenuti e li elaboriamo. Cosa c'è di più: molte volte, quei contenuti che sono stati caricati sul cloud, rimangono nel cloud per essere elaborati. È lì che viene eseguita la post-produzione e tutti gli arrangiamenti montaggio, correzione colore, adattamento audio, grafica e post-produzione. Poi viene scaricato dal cloud praticamente come un prodotto finito, o in un'unica postazione o in postazioni diverse, il che fa bene a una televisione come noi che ha così tante emittenti locali su tutto il territorio nazionale”.

“Questi televisori scaricano il contenuto direttamente e senza alcun problema, il che significa che i costi sono ridotti in modo molto interessante. Il software come servizio è sicuramente una soluzione che siamo adottando nella nostra architettura e lo vediamo come qualcosa molto promettente per il futuro”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

6. La commercializzazione dell'UHD

“La pianificazione della costruzione dei nostri nuovi contenuti deduce in modo importante per chi sono progettati. Quando sapremo che parte del contenuto andrà in onda e non lo sarà sempreverdi, quindi sono programmi effimeri con una scadenza, sono realizzati HD tradizionale, che è anche il costo più basso che ci sia. Non ha senso spendere soldi per qualcosa non potrà essere commercializzato per altre piattaforme. Tuttavia, tutto ciò che viene prodotto e ha la possibilità di essere archiviato per il riutilizzo, sia per piattaforme regionali che estere, se produrre in UHD”.

TV UHD“Questa è una domanda molto interessante, perché è accompagnata da a polemica molto grande. Ancora non esiste un formato universalmente definito da un punto di vista commerciale, quindi non si sa con quale dei formati UHD dovremmo stare come industria. C'è ancora molta concorrenza tra i produttori di apparecchiature su quale degli standard funzionerà meglio per il futuro".

“Ora stiamo producendo serie in UHD Che cosa Hernán, una serie creata con una consociata chiamata dopamina dedicato alla produzione di contenuti. In questa serie abbiamo utilizzato il le più alte tecnologie UHD disponibili per assicurarci di averlo maestri della serie preparata in UHD per ciò che verrà in futuro. Erano anche riprendersi formati che erano stati prodotti in passato in formato 4K in modo che rimangano in uno standard di utilizzo e archiviazione, e quindi siano pronto per il mercato sulle piattaforme future.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

7. La TV sarà la nicchia

“Non appena l'investimento fatto per la distribuzione dell'HD sarà ammortizzato e si verificheranno cambiamenti tecnologici come il 5G che consentono il trasferimento di grandi velocità di informazioni a velocità molto elevate, sarà maturare il concetto di migliorare la definizione. Scommettiamo che è allora che sarà rilevante avere il contenuto che stiamo preparando in UHD. In generale, scommettiamo su questo e crediamo che alla fine il mercato richiederà contenuti ad alta definizione”.

Televisione - Consumi - Controllo - Pubblico“Anche così, una cosa deve essere compresa. L'UHD diventerà un mercato di nicchia, perché il volume maggiore continuerà ad essere consumato dal dispositivi mobili. Anche così, esiste un mercato di nicchia di persone che acquistano schermi per il proprio soggiorno ad altissima definizione; schermi intelligenti che sono collegati a reti Internet attraverso le quali potranno consumare streaming contenuto ad altissima definizione. Questo diventa un altro tipo di mercato. Ecco che stai già vendendo al fanatico dell'alta definizione, seguendo la fotografia; al consumatore che ha un occhio colto”.

“L'uso dei dispositivi mobili ha notevolmente migliorato il educazione alla vista dei consumatori. I consumatori prestano maggiore attenzione alle qualità, agli elementi di illuminazione o alla fotografia, perché ora vedono molti più schermi. Il tempo che una persona media trascorre guardando schermi con contenuto visivo è molto alto”.


ROE Visual - Travestimento - Tokyo 2020

8. L'unione dei videogiochi e delle trasmissioni

“Siamo agli albori di quello che sarà un rivoluzione formidabile, meravigliosa e molto divertente per lo spettatore. È l'inizio dell'inclusione del elementi grafici, realtà virtuale e realtà aumentata. Come mai? Il video gioco hanno superato di gran lunga il sofisticatezza nella generazione di contenuti virtuali rispetto a quello che erano i leader: il televisione e cinema. I videogiochi hanno preso di gran lunga il comando. I computer utilizzati per elaborare le immagini dei videogiochi; algoritmi e meccanismi per lo sviluppo di immagini in movimento; e i trachei assolutamente sofisticati hanno aperto a universo formidabile aumentare la complessità delle immagini che la televisione e il cinema possono offrire allo spettatore”.

Realta virtuale“Non voglio che questa intervista venga letta dagli archeologi. La televisione non è che sta morendo, ma quello si è evoluto. Parlare di televisione è parlare di contenuti piattaforme digitali, OTT, via cavo e streaming. Il consumo di contenuti audiovisivi sarà molto arricchito, perché il interattività che i videogiochi possono darti essendo connesso, con il consumo di contenuti audiovisivi. Cosa succederà? Diventeranno ricchi in modo brutale. I confini tra un videogioco standard e quella che sarebbe una trasmissione televisiva standard verranno avvicinati. Quell'abisso sta diventando più piccolo e arriverà un punto in cui inizieranno persino a mescolarsi.

“Nel prossimo futuro lo sarà identificare dove inizia la distribuzione dei contenuti tradizionale e dove inizia il concetto di videogioco. Si mescoleranno in un modo molto interessante e lo spettatore potrà, con obiettivi speciali e altri dispositivi, essere totalmente immerso in ciò che vede sullo schermo. Tutto si unirà e diventerà un'unica miscela in cui vedremo progressi tecnologici molto spettacolari. Ci sono persone che stanno già lavorando nel trasmissione degli odori in modo da poter avere un trasduttore in grado di simularli; c'è anche elementi molto avanzati di tute e guanti che trasmettono sensazioni tattili meccaniche che hanno a che fare con ciò che vedi sullo schermo, e tanto meno occhiali e google che sono molto interessanti. È l'inizio. Vedo un grande futuro in questo senso”.


TV Azteca - Keys - Il futuro della televisione

Epilogo: Il possibile futuro del Metaverso

Pedro Carmona Ortiz ha affrontato il futuro della televisione affrontando tutte le notizie di TV Azteca dal suo ruolo di direttore tecnologico. Tuttavia, la conversazione si conclude con un'altra domanda. Più personale, più vicino. Un augurio per il futuro:

"Come spettatore e persona legata alla televisione, qual è il miglioramento tecnologico, il progresso o l'innovazione che vorresti vedere nei prossimi anni?"

“Lo sviluppo di a metaverso, ma controllato. E perché dico controllato? Perché ci credo il concetto di metaverso è pericoloso, soprattutto per le nuove generazioni, perché può raggiungerle allontanarsi da ciò che è la realtà. La realtà è bella. Nessuno scorcio del metaverso può migliorare un'alba, l'odore di un fiore o la sensazione di camminare sull'erba bagnata".

blank“Non possiamo privare le nuove generazioni, i nuovi bambini, della bellezza di correre in un giardino, ascoltare gli uccelli, sentire l'aria fresca sui loro volti e cadere e sbucciarsi un ginocchio. Dobbiamo curare molto quella parte per non tenerli lontani, seduti davanti a uno schermo con diecimila gadget elettronici, creando loro una bolla artificiale. L'ideale sarebbe avere quel metaverso controllato che potrebbe essere orientato per incoraggiare queste nuove generazioni a bilanciare le formidabili esperienze che questa tecnologia avrebbe dato loro per vivere in un mondo fantastico, ma guidandole a sviluppare il gusto per la natura. È una strana fantasia. Hai aperto la porta, perché hai detto che valeva la pena chiedere, e io sto chiedendo qualcosa che suona come una farsa. Ma non lo è».

Io sono, per ovvie ragioni, a maniaco della tecnologia. Ma la mia fantasia sarebbe sapere che i miei nipoti e pronipoti non saranno rinchiusi in una stanza piena di schermi e collegati a cavi con interfacce magnetiche vicino al cervello e facendo tutte le cose che sappiamo che saranno in grado fare in futuro, ma avendo la sensibilità per correre e calciare un pallone. Sarebbe l'ideale: a metaverso che ha incoraggiato lo sviluppo della sensibilità alla natura”.

Una relazione di Sergio Julián Gómez

Galleria

(clicca su qualsiasi foto per avviare il carosello -scorri a sinistra e a destra facendo clic sulla freccia-)

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti al nostro RSS Feed e non ti perderai nulla.

Altri articoli su
Di • 3 Feb, 2022
• Sezione: 360/VR, Bacino, Problema, Studia, gestione dei media, IP, rapporti, Televisione, Televisore mobile, TV UHD